RICICLARIO (Cos’è, a quale categoria appartiene, dove lo metto?)

Scarica il riciclario in formato PDF

Il Riciclario è un piccolo manuale con tutte le informazioni per eseguire correttamente la raccolta differenziata. Una guida con le buone pratiche e i consigli utili per uno stile di vita più sicuro.
Fare correttamente la raccolta differenziata permette di respirare un’aria più pulita, ridurre il rischio di malattie, risparmiare. Riciclare una maggiore quantità di materiali riduce, infatti, sia i rifiuti da smaltire, sia i costi del servizio.
Il cittadino è il protagonista dell’iniziativa. La collaborazione attenta di ciascuno migliorerà la nostra città e l’ambiente in cui viviamo, nell’interesse nostro e delle persone a cui vogliamo bene.
Sosteniamo la nostra Città, valorizzando ciò che scartiamo. Ora è tempo di cambiare per fare la differenza. La sfida è “Si- curo!” Nella convinzione che solo insieme possiamo migliorare il nostro futuro.

Assessore all’Ambiente
Città di Campobasso
Stefano Ramundo

Leggi i suoi contenuti

Differenziare è facile. Si comincia dal fare la spesa, bene! Non comprare cose con inutili imballaggi, scegli prodotti biodegradabili, limita allo stretto necessario i prodotti usa e getta, scegli i prodotti da banco, nel caso delle batterie dai preferenza a quelle riciclabili.
Nella vita di tutti i giorni però non sempre è possibile scegliere cosa acquistare. È qui che entra in gioco la differenziazione che renderà i nostri rifiuti delle risorse.
Perché questo accada è necessario puntare sulla qualità della separazione dei materiali.
La buona volontà e le buone pratiche, infatti, possono essere messe a dura prova da alcuni materiali difficili da identificare e classificare: ecco come evitare errori.

La plastica è il materiale che si può riciclare con più facilità!
Per poter riciclare al meglio i materiali plastici occorre: svuotare i contenitori, lavarli per rimuovere eventuali residui, per esempio di cibo, rimuovere eventuali etichette in carta e schiacciarli.
Recipienti di sostanze pericolose (trielina, solventi e smacchiatori, acquaragia, acidi, ecc.), classificate con il simbolo di pericolosità, vanno conferiti presso il Centro di Raccolta Rifiuti.
Smaltire i residui di queste sostanze negli scarichi domestici danneggia fortemente l’ambiente.

• Imballaggi di plastica vuoti

• Sacchetti di negozi e supermercati, buste e confezioni (es.: affettati, formaggi, pasta fresca, frutta, verdura, caramelle, snack)

• Bottiglie e tappi di acqua, latte, olio, bibite, succhi, conserve

• Flaconi di creme, salse, yogurt

Lattine, scatolette, barattoli, contenitori in banda stagnata (es.: tonno, caffè, pelati, olio, olive, burro)

Tappi e coperchi in metallo

Vaschette (anche in polistirolo) di frutta, carne, gelato, formaggio, pesce, uova

• Confezioni sagomate per dolciumi

• Film e pellicole per alimenti

Buste per surgelati

• Piatti e bicchieri monouso

Vaschette e fogli di alluminio anche per forno o freezer

• Contenitori e buste di alimenti per animali

• Flaconi di detersivi e detergenti

• Film da imballaggi esterni di bottiglie, bibite, carta igienica, carta assorbente

Blister

• Buste per il confezionamento di capi di abbigliamento

• Polistirolo da imballaggio

• Bombolette spray vuote, senza simbolo di rifiuti pericolosi

• Reti per frutta e verdura e cassette in plastica (riporre anche a fianco del sacco)

• Grucce appendiabiti

• Giocattoli, videocassette, CD, DVD e relative custodie, materiali audiovisivi

• Secchi, bacinelle e catini

• Tubi in plastica, in gomma e articoli per l’edilizia

• Posate in plastica non riciclabili

• Spazzolino da denti, rasoi usa e getta, pettini di plastica

• Cartellette, portadocumenti, righelli

• Borse, zainetti, valigie

• Beni durevoli in plastica (complementi d’arredo, posaceneri, portamatite, bidoni e cestini portarifiuti, componentistica e accessori auto).

Con il vetro è molto facile sbagliare.

Nella raccolta differenziata del vetro non bisogna inserire: cristallo, stoviglie in porcellana o pyrex, lampadine, neon e specchi. Anche in questo caso le bottiglie in vetro devono essere pulite e vuote.

N.B. Evitare l’utilizzo di buste di plastica per raccogliere il vetro all’interno del contenitore. Il materiale plastico unito al vetro crea problemi di riciclo.

• Confezioni di vetro in genere

• Bottiglie, vasetti e barattoli di vetro

• Bicchieri, vasi e caraffe di vetro.

• Vasetti e contenitori di ceramica

• Cocci di porcellana e cristallo

• Lampadine a incandescenza

• Lampadine a risparmio energetico, tubi neon.

Nel contenitore dedicato alla carta e cartone, possiamo riciclare giornali, scatole, tetrapak e cartoni ben piegati ma anche quaderni, scatole del latte, dei succhi di frutta, dei corn flakes e vaschette porta-uova in cartone. Non possiamo invece buttare carta sporca di residui organici.

E’ buona prassi appiattire sempre le scatole e comprimere gli scatoloni in modo da ridurre gli imballaggi in piccoli pezzi riuscendo così a conferire un maggiore quantitativo di rifiuti.

N.B. Evitare l’utilizzo di buste di plastica per raccogliere la carta/cartone all’interno del contenitore. Il materiale plastico unito alla carta crea problemi di riciclo per le cartiere.

• Giornali e riviste, libri e quaderni, fogli e tabulati, carta da pacchi

• Scatole in cartone, scatole di cartoncino per alimenti

Sacchetti di carta per alimenti, anche con finestrella in plastica

Cartone della pizza, anche unto, ma privo di pizza e/o cibo, piatti e bicchieri di carta

• Fascette in cartoncino (es. di yogurt e bottiglie)

• Scatole di farmaci e foglietti di istruzione

Tetrapak contenitore per latte, succhi di frutta, vino.

• Carta oleata e plastificata, carta chimica dei fax o autocopiante, scontrini fiscali, carta accoppiata con altri materiali

• Tutti i materiali non cellulosici (che derivano da varie specie vegetali sia arboree che erbacee).

Gli avanzi di cibo, gli alimenti andati a male, le bucce della frutta, i sacchetti del tè e i fondi del caffè, i fiori secchi e i tovaglioli di carta vanno conferiti nel contenitore dell’umido. Non dimentichiamo di sistemare i materiali in sacchi ben chiusi prima di buttarli via.

• Scarti e avanzi di cibo, pane e cereali, carne, ossa, pesce e lische, gusci delle uova

• Verdura, frutta, gusci di frutta secca

• Fondi di caffè, filtri di thè, camomilla e tisane

• Fiori recisi

Tovaglioli di carta e carta da cucina anche colorata, fazzoletti di carta usati

• Piatti, posate e bicchieri in plastica

• Gusci dei molluschi, carta oleata per alimenti, mozziconi di sigarette

• Pannolini, lettiere ed escrementi di animali domestici.

I materiali unti e sporchi, i cd e dvd, i giocattoli, i fiori finti, i sacchetti dell’aspirapolvere, gli spazzolini e le videocassette devono finire direttamente nel residuo secco (indifferenziato) ossia nel contenitore in cui rientrano tutti quei rifiuti che non possono essere riciclati.

Ricordiamo che bicchieri, tazze e piatti di ceramica, se si rompono, non devono essere gettati nel vetro ma nell’indifferenziata in quanto si tratta di materiali che non è possibile riciclare.

• Carta oleata o accoppiata con altri materiali, carta termica del fax e scontrini

• Piatti, posate e bicchieri in plastica non monouso, tappi di sughero

• Gusci dei molluschi e crostacei, carta oleata per alimenti

• Giocattoli non elettronici, videocassette, CD, DVD e relative custodie, radiografie

• Cartellette, portadocumenti, pennarelli, penne e articoli da cancelleria

• Secchi, bacinelle e catini, spazzolino da denti, cerotti e garze, rasoi usa e getta

• Tubi in plastica e/o in gomma

• Pannolini e assorbenti igienici (avvolti in carta o plastica)

• Lampadine a incandescenza

• Lettiere ed escrementi di animali domestici (in piccole quantità)

• Mozziconi di sigarette

Tutti i materiali che possono essere riciclati (vetro, carta, plastica e metalli) e quelli raccolti separatamente perché pericolosi.

I rifiuti ingombranti come mobili, materassi ed elettrodomestici vari devono essere conferiti nel Centro di Raccolta Rifiuti situato in località Santa Maria De Foras nel Comune di Campobasso.

Orari apertura Centro di Raccolta Rifiuti di Santa Maria de Foras

Tutti i giorni feriali, da lunedì a sabato, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 eccetto i festivi. Per ulteriori informazioni chiamare il numero verde.

Ingombranti: mobili, sedie, oggetti di arredo, reti, materassi ecc.;

Piccoli elettrodomestici: telefonini, videocamere, ferri da stiro, asciugacapelli, rasoi elettrici, aspirapolveri, macchine per cucire, tostapane, frullatori, coltelli elettrici, spazzolini per denti elettrici, sveglie, orologi da polso, bilance, friggitrici;

Utensili elettrici ed elettronici: trapani, seghe, strumenti per saldare, apparecchiature per spruzzare e spandere sostanze liquide o gassose, tosaerba o attrezzi per altre attività di giardinaggio, apparecchi per la cottura, lampade fluorescenti compatte, ventilatori elettrici, ecc.;

Grandi elettrodomestici: lavatrici, frigofero, lavastoviglie, cucine a gas, scaldabagno, climatizzatore ecc.

Giocattoli elettronici e apparecchiature per lo sport e per il tempo libero;

Apparecchiature informatiche:

computer portatili, stampanti, PC, treni elettrici e auto giocattolo, consolle, mouse, schermi/monitor, tastiere, fotocopiatrici, telefoni, videogiochi, computer da tavolo, calcolatrici, fax, cellulari, agende elettroniche, radio, TV, videocamere, videoregistratori, Hi-fi, ecc;

• Olii vegetali esausti

Ricorda che puoi sempre conferire presso il Centro Raccolta ogni tipologia di rifiuto differenziato (organico, carta e cartone, vetro, plastica e metallo)

Consultalo on line